Monthly Archives: marzo 2017

Caos Poste: Gazebo per la raccolta delle firme

Nelle ultime settimane sempre più spesso i nostri concittadini stanno subendo le conseguenze negative del disservizio legato alla consegna della posta. Capita che vengano recapitate delle bollette ormai scadute o addirittura che non vengano proprio consegnate con l’inevitabile rischio che si venga considerati morosi e si subisca l’interruzione del servizio; in altri casi vi è la mancata o tardiva consegna di missive importanti.

Tutto ciò è da ricondurre alla recente riorganizzazione del servizio da parte di Poste Italiane ed ha causato problemi non solo nel nostro comune ma un po’ in tutta Italia. A San Felice tuttavia il problema è aggravato dalla riorganizzazione della toponomastica ( la denominazione delle strade e delle piazze) mai portata a termine che ha visto l’installazione delle tabelle con l’indicazione dei nuovi nomi delle vie e della nuova numerazione ma a cui non ha fatto mai seguito l’aggiornamento dell’anagrafe.

L’Associazione politica San Felice a Cancello in Movimento, sempre sensibile alle concrete esigenze dei propri concittadini, ha deciso di presentare un esposto contro la società Poste Italiane per denunciare formalmente questo disservizio.

Chiediamo a tutti i cittadini di fornire il proprio contributo per  sostenere questa nostra azione e per questo abbiamo organizzato un gazebo Venerdì 24 Marzo 2017 dalle ore 10:00 alle ore 13:00 in Piazza Giovanni XXIII nei pressi dell’ufficio postale per la raccolta delle firme.

Abbiamo deciso inoltre di mettere a disposizione, per tutti coloro che ne fossero interessati , degli strumenti per segnalare direttamente sia a Poste Italiane sia all’Agcom il problema riscontrato.

Per presentare il reclamo a Poste Italiane si può procedere in questo modo:

1)      Direttamente online compilando gli appositi form raggiungibili ai seguenti link:

2)      inviando la lettera di reclamo compilata in tutte le sue parti, con una delle seguenti modalità:

  • Posta Elettronica Certificata a reclamiretail@postecert.it (è obbligatorio allegare la lettera di reclamo)
  • Fax al numero 0698686415 (è obbligatorio allegare la lettera di reclamo)
  • Lettera Raccomandata a Casella Postale 160 00144 Roma (Rm)
  • Consegna presso un ufficio postale.

Per presentare il reclamo all’Agcom si deve compilare il Modello P ed inviarlo con una delle seguenti modalità:

  • mediante raccomandata A/R al seguente indirizzo: Autorità per le garanzie nelle comunicazioni – Direzione Servizi Postali – via Isonzo 21/b – 00198 Roma
  • tramite telefax al numero: 0669644926.

 

Il Comune di San Felice a Cancello si Costituisce parte Civile

Con la delibera n. 9 del 14 Marzo 2017 il Commissario straordinario ha disposto che il Comune di San Felice a Cancello si costituisca PARTE CIVILE nel procedimento penale a carico del Ex Sindaco Pasquale De Lucia e degli altri soggetti coinvolti.

Siamo profondamente soddisfatti del fatto che, dopo le ripetute istanze da noi presentate, finalmente il Commissario abbia fatto propria la nostra proposta e si sia impegnata a tutelare i diritti dei cittadini di San Felice a Cancello nel procedimento in corso.

Ricordiamo che il Commissario Straordinario è l’unico soggetto pienamente legittimato a costituirsi parte civile nel procedimento penale in oggetto poiché, nella sua funzione, rappresenta Il Comune e, di conseguenza, tutti i cittadini di San Felice a Cancello che sono la parte lesa; cosa che invece non avremmo potuto fare né noi come Associazione, né i partiti, né gli ex consiglieri e neanche gli aspiranti candidati sindaci, come invece è stato suggerito (sempre e soltanto sui media) da un ex consigliere comunale, poiché tale richiesta sarebbe stata inevitabilmente rigettata dal giudice.

 

Compostaggio di Quartiere: richiesta di adesione

C’è una grossa opportunità per i Comuni e per i cittadini Campani: la Regione ha deciso, con un avviso pubblicato il 22 Febbraio 2017 sul Burc n°15, di chiedere ai Comuni se vogliono ricevere ed installare una Compostiera di Comunità.

Questa è una grande occasione perché oltre a far bene all’ambiente, grazie alla riduzione dell’impatto ambientale e alla possibilità di avere un buon compost, consentirà in futuro di ridurre la tassa sui rifiuti a tutti i cittadini che conferiranno i propri scarti organici nella Compostiera di Quartiere.

Abbiamo chiesto alla nostra amministrazione, con una istanza, di fare immediata richiesta di adesione all’avviso pubblico della Regione Campania.

C’è tempo fino al 30 Marzo.

Scarica l’istanza

Clicca qui per maggiori informazioni

Inchiesta sulla Tangentopoli a San Felice: Costituzione Parte Civile

Il primo Marzo 2017 presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere si è tenuta l’udienza preliminare nell’ambito del processo sulla cosiddetta “tangentopoli sanfeliciana” che, ricordiamolo, ha portato all’arresto di alcuni esponenti dell’amministrazione comunale ormai decaduta, tra cui l’ex sindaco Pasquale de Lucia, il suo vice Petrone, il comandante della Polizia Municipale Scarano, il responsabile dell’ufficio tecnico Arch. Felice Auriemma ed altri.

Notiamo con enorme stupore  e costernazione che, per quanto ci risulta, il nostro Ente non si è ancora costituito parte civile nel suddetto procedimento, mentre abbiamo appreso da notizie di stampa che lo hanno fatto l’ex dichiarante Antonio Scialdone e l’ex presidente della provincia Domenico Zinzi.

La nostra Associazione, con un istanza protocollata il 20 Ottobre 2016 aveva chiesto al Commissario Prefettizio un incontro per discutere, tra l’altro, della necessità di costituirsi parte civile in questo procedimento. In data 26 Gennaio 2017 abbiamo presentato una seconda richiesta per sollecitare tale provvedimento ma, a quanto pare, il Commissario non lo ha ritenuto opportuno. Considerando che c’è ancora uno spiraglio di tempo prima della dichiarazione di apertura del dibattimento, questa mattina abbiamo deciso di presentarne una terza nella speranza che venga accolta.

 In ogni caso ci chiediamo come mai il Commissario Prefettizio del Comune di Maddaloni, in una vicenda analoga si è costituito immediatamente parte civile mentre il nostro, per fatti che appaiono ben più gravi, sembra restare indifferente?

Invitiamo pertanto il Commissario Prefettizio Dott.ssa Immacolata Fedele, a spiegare pubblicamente le ragioni delle sue scelte e ad informare tutti sulle eventuali azioni che intende intraprendere per tutelare i diritti dei cittadini di San Felice in virtù del fatto che, in questa vicenda, si possono definire l’unica vera parte lesa. 

Vedi l’istanza